username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

RIFLESSIONI DI UN SOLITARIO

Intorno a me è il silenzio,
reso meno dolce
dall’ultimo vociare della notte
che d’un nero velluto
riveste le cose ormai stanche,
rubandole agli occhi
forse ancora non sazi.
Mi giungono suoni e rumori lontani,
fastidiosi alla mente
che cerca, nel buio,
rifugio ai ricordi,
ai pensieri più tristi,
che ancora rendono più amara la vita.
E allora, quando tutto ormai tace,
e immobile giace ogni cosa,
quasi fissa per il magico tocco
dell’eterno invariare,
s’alza, vincitore assoluto, il pensiero,
della mente eterno respiro:
ché di tutto l’essere nostro mortal
è il pensiero, esso solo, ad aver libertà.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Ada FIRINO il 13/08/2012 21:30
    Grazie Livio, il tuo commento mi lusinga, non credo sia un capolavoiro, ma se i miei versi suscitano delle emozioni, questo mi fa felice.
    Sei davvero sensibile!
  • Anonimo il 07/08/2012 13:52
    È un vero capolavoro! mipiace molto
    Quando riesci a provare emozioni leggendo dei versi vuol dire che chi scrive(tu)ha raggiunto il suo obiettivo... tresmetterle
    Complimenti
  • Ada FIRINO il 09/08/2008 13:04
    Ti ringrazio Vincenzo, sempre molto gradite le tue visite ed i tuoi commenti. Per me la notte è l'unica depositaria dei miei pensieri e dei miei più intimi segreti. In essa il pensiero si libera e vola alto, al di là di ogni costrizione fisica.
  • VINCENZO ROCCIOLO il 07/08/2008 11:24
    "l'ultimo vociare della notte che d'un nero velluto riveste le cose ormai stanche. rubandole agli occhi forse ancora non sazi".

    Cara Ada, questo meraviglioso verso è già di per sé una poesia, ma tutta la poesia è molto bella; un inno alla libertà del nostro pensiero, l'unica cosa che nessuno ci può togliere.
    Molto bella. Un caro saluto a te.
  • Ada FIRINO il 22/01/2008 03:16
    L'eterno "variare" e "invariare" delle cose. È come la storia, sempre diversa, sempre uguale.
    Così come l'uomo che la fa.
    Grazie, Augusto, anche a me piace questa poesia, a differenza di altre che non so perché le abbia scritte, io stessa.
  • augusto villa il 21/01/2008 15:04
    Bellissima..."magico tocco dell'eterno invariare"..."occhi forse ancora non sazi"..."nero velluto riveste le cose ormai stanche"... Insomma, immagini una più bella ed efficace dell'altra... ed arriva dritto al cuore iquel sentore...
    Molto gradita!!! Brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0