accedi   |   crea nuovo account

Luna

Tu che ridi nel buio della notte,
dove la montagna t'affascina abbracciandoti con i suoi echi.
Felice e piena di luce sussurri alle tue amiche stelle,
mentre le nubi ti tengono compagnia.
Sai o luna qui c'è gente che ti fa sentire meno di nulla,
con parole e gesti;
senza pensare che ti feriscono come una lama nel cuore

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 13/03/2008 14:56
    Bellissima Daniela.. questa montagna che ci abbraccia con i suoi sovraumani echi.. so le ferite a Madre Luna... sono terribili... nubi spesse plumbee... ma guardo con fiducia a Padre Sole... che nessuna nube può offuscare

    Un caro saluto
    Vincenzo
  • Riccardo Brumana il 23/02/2008 16:59
    molto poetici i tuoi versi, brava, ti consiglierei solo di andare a capo dopo le virgole per una vaste meno "da lettera". ciao.
  • dario spelorzi il 23/12/2007 20:16
    rivolgersi alla luna come amica e confidargli le amarezze terrestri che ti feriscono, molto originale. ciao dario
  • Aedo il 23/12/2007 12:59
    Bella poesia introspettiva: attraverso l'invocazione alla luna, trasmetti la tua amarezza per il comportamento superficiale ed egoistico di molte persone.
    Un consiglio: la poesia ne guadagnerebbe, se dividessi i versi lunghi.
    Ciao
    Ignazio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0