PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Abiogenèsi

Riflettendo sulla qualità e sulla sensibilità di questa cultura moderna mi convinco che noi scrittori e poeti, emarginati dalla carta stampata e dal successo editoriale e che postiamo su siti virtuali come questo, rappresentiamo, per molti versi, una generazione spontanea di organismi viventi della materia non vivente.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 09/01/2009 11:05
    E quel famoso "cigito ergo sum" ce lo dimentichiamo?
  • Andrea Pinto il 20/12/2008 01:46
    penso che tu abbia ragione.. bravo!
  • giuliano paolini il 11/07/2008 17:46
    opperbacco non avevo riflettuto su cio'
  • Vincenzo Capitanucci il 11/07/2008 15:23
    Si Gaetano... hai perfettamente ragione... in 5 righe dici praticamente tutto.. finalmente una generazione... Spontanea... libera... che vive l'Arte al quotidiano... immediato... quello che scrivi tu stamattina.. io ho la possibilità di leggerlo subito... in questo caso no.. ho seguito la pista di Francesco... che non conoscevo... ma ha apprezzato la poesia Napule... e mi ha incuriosito sapere chi era...

    possiamo leggerlo.. subito ed interagire immediatamente... questo ci aiuta a prendere conoscenza coscienza di mille cose... siamo più di 6ooo occhi sul Sito che guardano... il mondo e ci raccontiamo in poesia le nostre espeienze...è un grandissimo catalizzatore.. di coscienza... alla velocità della luce pensiero... grazie a tutti... noi.. nel passato quanto ci voleva per conoscere un nostro artista contemporaneo... anni... e c'era un filtro dei editrori.. su chi poteva e doveva essere pubblicato... grazie al Nostro Sito...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0