PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

PER CONOSCENZA

Loro sapevano

mentendo al riguardo,

consapevoli dei dolori che procuravano,

consapevoli dell'eccidio di cui si fecero complici

e sporchi di sangue

si nascondevano,

dietro nomi e cariche altisonanti,

dietro ad un milione di uffici statali,

dietro ad impegni improrogabili,

e passeggiate al servizio dello stato,

e fuggivano,

i quattrini non mancavano mai,

come nuove opportunità d'avanzamento,

condite da teorie, leggi, inni nuovi partiti

educate al politico di turno,

dal politicante ottantenne dietro le quinte

per ricalcare la scena,

recitando un nuovo atto,

e riconsiderare il passato sotto nuove prospettive di guadagno,

tenendo a bada il gregge al pascolo della vita,

con una briglia non troppo pronunciata,

distraendolo dagl' immensi problemi a lui inflitti,

da leggi, mutui e ridicoli salari,

incanalandolo alla partita della domenica pomeriggio,

per poi fare della storia avanspettacolo,

presentato da puttane e idioti

da proporre in prima serata,

"Per non dimenticare",

o almeno così titolano in tv,

tra i pannolini delle quindici e gli assorbenti con le ali,

tra un piatto di pasta ed un bicchiere di vino,

in questa odierna Italia.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0