accedi   |   crea nuovo account

Nido.

Vivo
come schienale assonnato
rivestito di caduca vernice.

Confusa allodola muta.

Non c'è una sola verità in me.

Ed è il freddo a pungere di più
se non ricordi dov'è il nido.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Mirko Zullo il 25/05/2008 21:34
    Non mi riesce di commentarla come vorrei... Forse ancora troppo stupito da quanto mi sta trasmettendo... Grazie. Mirko.
  • Anonimo il 19/04/2008 17:20
    Splendida... Senza parole...
  • Adamo Musella il 08/04/2008 02:17
    La consapevolezza di un porto sicuro, di un focolare domestico; queste sono le cose che rendono un po' più certa la nostra vita altrimenti veramente non ci resta che rassegnarci ad essere sedie in balia di estranei. Brava
  • christian kande il 24/03/2008 01:02
    bella bella.
  • augusto villa il 14/01/2008 14:49
    Non c'è una sola verità in me... Confusa allodola muta... che dire?...È poesia!!! Bravissima!
  • Deborah Cavazzini il 10/01/2008 12:45
    Carina. Io userei meno aggettivi.
  • Diana Moretti il 09/01/2008 09:57
    Sono contento che ti sia piaciuta Umberto. Dia
  • Umberto Briacco il 09/01/2008 00:41
    Finalmete una poesia che impegna, che però si lascia risolvere: non solo parole complicate senza nulla dietro ne banalità troppo lampanti. Hai delle chiose veramente incisive.
    slauti
  • Diana Moretti il 07/01/2008 12:39
    uno schienale è un semplice supporto, non ha identità propria.. assonnato poichè manca di coscienza di sè.. poco convincente perchè non ha niente a che fare con gli uccelli e i nidi, forse?
  • alberto accorsi il 04/01/2008 22:48
    Povera piccola! Tenera anche se non trovo convincente "schienale assonnato"

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0