accedi   |   crea nuovo account

Tristezza

Suona lontana una campana,
rintocchi cadenzati, lenti,
che diffondono meste note
in un cielo plumbeo, tetro.

Oggi il sole si nasconde
dietro minacciose nuvole;
è gelo tutt'intorno
ed un vento freddo
intirizzisce l'anima
ed a tristezza muove.

Niente sembra sorridere
di ciò che mi circonda;
non trovo colori
per coprire il grigio che m'avvolge;
tutto mi appare ostile,
tranne il silenzio,
ove mi rinchiudo a pensare
che cosa o chi abbia rubato
la gioia mia d'un tempo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Angela Lombardi il 27/08/2008 15:20
    eh il silenzio amico nella digrazia e nella noia, l'unico ad assorbire tutto ciò che inquina e strazia l'anima.. complimenti
  • Maria Lupo il 21/06/2008 00:39
    Ahi, Ignazio, come ti capisco...
    Grazie per questi versi tristi ma belli.
  • Ada FIRINO il 11/04/2008 09:28
    Mi ricorda una mia poesia "Sento in lontananza" e sento tutta la tristezza che ti ha indotto a scriverla.
  • IGNAZIO AMICO il 16/01/2008 09:38
    Ringrazio di cuore gli Amici che hanno voluto onorarmi con un loro commento.
    Ignazio Amico
  • EKIPS _ il 16/01/2008 03:03
    Bravo!
    Descrivi uno stato d'animo che chiunque conosce con un linguaggio che tutti comprendono.
    Ma il modo in cui lo fai è davvero unico. Complimenti!
    Un saluto.
  • nicoletta spina il 15/01/2008 22:04
    malinconia e assenza di colore lasciano spazio a grigi pensieri, anch'io in qs giorni sto vivendo le sensazioni che hai espresso con dolce bellezza in qs poesia... ma dietro le nuvole c'è il sole
  • lucia cecconello il 15/01/2008 21:13
    Tutto intorno a te e' incolore ma vedrai che dopo il tuo voler stare in silenzio per pensare troverai il modo di sorridere ancora. Coraggio ciao
  • dario spelorzi il 15/01/2008 19:12
    Momenti di vita che ognuno di noi a toccato con mano,
    senza riuscire a capire il perché.
    Stati d’animo che ci rendono più sensibili, verso tutto ciò che ci circonda.
    Bravo ciao dario
  • Alessandro Castellarin il 15/01/2008 16:13
    Il parlare è spesso un tormento e si ha bisogno di molti giorni di silenzio per ricoverarsi dalla futilità delle parole...
    Lirica molto bella!
  • Michelangelo Cervellera il 15/01/2008 15:49
    Nel nostro io, il suono della campana che descrivi è un suono senza speranza, ma il sole che si nasconde, quindi tornerà a risplendere, fa si che questa tua poesia sia una poesia di rinnovamento del tuo io dopo un doloroso cammino. Michelangelo
  • Gabriella Salvatore il 15/01/2008 14:18
    un silenzio scandito dai rintocchi di una campana, dal suono incolore, in un paesaggio incolore. Quando la tristezza ha il sopravvento, niente intorno sembra avere più senso. Hai descritto molto bene questo stato d'animo, bravo
  • tania tania il 15/01/2008 14:00
    bravo come sempre Ignazio... un viaggio "fuori" per scoprire "dentro"...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0