PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Madre

Nero vortice che mi risucchia.
Diafana sinfonia di opache sere.
Tu.
Erpice oscuro, scabroso sguardo al dolore.
Naufrago, ne emergo.
Seno supplice di depressa nutrice.

Uccisa, ti amo di più.
Ne emergo, ora,
più acuto veggente, se non felice.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 19/09/2008 17:12
    questa invece mi piace da morire. bravissimo!
  • Ezio Falcomer il 16/01/2008 17:20
    grazie Ugo
  • Ugo Mastrogiovanni il 16/01/2008 16:48
    La breve poesia di Isidhermes Siviglia ci mette in contatto con qualcosa di grande che ci riempie: una sorta di grazia che non si può definire: l’immagine di Madre. Una madre che tormenta al solo ricordo di quello che fu e che ci ha lasciato. Una madre conforme alla natura umana, con tutte le sue virtù e debolezze; una madre con tutta la sua gioia impazienza, spavento, dolore, contrarietà, rigore ma, principalmente, una mamma parte della creazione, “condizio sine qua non” della nostra esistenza. Quindi vibranti e vasti questi versi che, lasciano un po’ di angoscia, ma decisamente piacevoli.
  • Ezio Falcomer il 16/01/2008 15:44
    Adelaide, la fame lasciata dalla madre è proporzionale allla saturazione lasciata dalla madre (cibo, desiderio, pensieri, paure)
  • Ezio Falcomer il 16/01/2008 15:43
    Lisa, io sono così. Chiarie scuri. pieni e vuoti. Onde

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0