accedi   |   crea nuovo account

Di notte

Il caldo è asfissiante,
la noia incombente.
Rivolto il corpo nel letto
cercando nei lati frescura.
Mi alzo di scatto.

L'acqua fresca che sgorga
ristora la mente,
risveglia nei sensi le voglie.

Metto jeans e maglietta intonata.
Da quando non esco di notte?
Da quando Maria mi ha lasciato?

Via del mare è incrocio di vite.

Luci di night promettono sogni,
a falsi play boy e vere puttane!
La caccia allo sballo è iniziata,
tra sniffi di moda e pasticche per vizio.

Annega il domani nero
in litri di alcol
il sabato sera!

Nei vicoli bui
si cela il vampiro;
baratta bustine di sogni
con pezzi di vita.
Succhiando montagne di soldi.

L'alba è lontana!

Il porto è vetrina di sconci;
ragazzi per lucro a fare marchette,
viados, colorati come uova Pasquali,
e profumate scie,
volteggiano,
in caccia di prede.
Per gli amanti dell'omo
la sorpresa c'è.

Ritorno confuso alla tana.

Il tempo è andato veloce,
lasciandomi indietro.
Questa non è vita mia.
Perchè non torni Maria?

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Ezio Grieco il 18/07/2008 00:19
    ... ogni attesa, anche se lunga, è sempre ricompensata dal chiarore di un Alba.
    Grazie del commento il mio nome;
    ciao mikelus
  • Ezio Grieco il 29/01/2008 11:38
    Ciao gabriele, tuo primo commento ad un mio post, sono contento che ti sia piaciuto
    mikelus
  • Ezio Grieco il 29/01/2008 11:37
    Ciao Lucia, grazie per l'attenzione.
    mikelus
  • lucia cecconello il 26/01/2008 23:18
    Bella ciao
  • Ezio Grieco il 25/01/2008 15:14
    Ciao Claudio, grazie del commento.
    ... tornerà... tornerà...
    mikelus
  • Ezio Grieco il 25/01/2008 15:13
    ciao bohemien... cosa resta da dire a me?
    ... commento più esaltante non potevi lasciare; grazie di cuore.
    mikelus
  • Ezio Grieco il 25/01/2008 15:09
    Ciao Maria, grazie del commento; centratissimo.
    mikelus
  • Ezio Grieco il 25/01/2008 15:06
    Ciao gabriella, grazie del commento.
    ... verità sacrosante..
    mikelus
  • Ezio Grieco il 25/01/2008 15:04
    Ciao Adelaide, grazie dell'attenzione. Le città sono quelle che sono, e di notte, rivelano tutto il loro desolante squallore.
    mikelus
  • Claudio Amicucci il 23/01/2008 20:23
    Una fotografia della società che circonda e che si scopre andando in giro la notte. Desolante, come a volte la solitudine, se non sei attento, potrebbe risucchiarti in mondo che non è il tuo... Ti prego Maria.. torna da Michele... Scherzi a parte, bravo. Ciao Claudio
  • bohemien empatico il 22/01/2008 13:27
    Michele che dire?
    La donna (ancora) amata come unico mezzo per lenire il dolore nell’osservare lo squallore della nostra società. Squallore che c'era anche prima, ma prima c'era Maria, vero? Ora lei non c'è più e lo squallore permane anzi soffoca. Rimaniamo annientati nel constarlo tutto, rimaniamo vittime accorgendoci che lui c’è e Maria no. Lui rimane e Maria non torna…
    Mi hai fatto emozionare ad ogni verso.
  • Maria Gioia Benacquista il 20/01/2008 09:51
    Molto bella Michele.
    Un tuffo nella vita notturna alla ricerca di qualcosa... di sé stessi... di opportunità che leniscano il dolore.
    Ciò che si vede non è molto piacevole e sconfitti si ritorna al proprio mondo al dolore e alla nostalgia.
  • Gabriella Salvatore il 19/01/2008 20:31
    immergersi nella notte e nelle sue ombre, ritrovarsi solo e col rimpianto di prima.
    Bella descrizione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0