username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

IL MALE OSCURO

È una tenia abbarbicata al cuore
che lentamente,
subdola
lo mastica senza far rumore.

Un grande, profondo
buco nero nel petto
raccoglie un cuore
che pulsa dolore,
che spinge nel corpo
una sola, straziante
richiesta di aiuto,
silente e assordante:
per non soffrire
per non morire
per riveder la luce:

Vana illusione!
il Male Oscuro fagocita tutto
e quel muto grido
pian piano si perde
ed affonda disfatto
nel vuoto assoluto.

Desiderio di morire:
per non più pensare
per non più soffrire
per un coriandolo di pace!

ndr: a tutti coloro che provano sulla propria
pelle quanto sia devastante la
DEPRESSIONE dico soltanto:
combattete, perchè se ne può uscire!
Io ci sono riuscita.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Oryu LightWarrior il 01/09/2008 22:04
    sono pienamente d'accordo con te Andrea!
  • andrea venturi il 29/08/2008 18:21
    cara paola pure io ci sono cascato nella depressine e come te con tanta forza di volontà ne sono uscitio, con le notre testimonianze posiamo aiutare chi ancora lotta con questo male oscuro come dici tu.
    andrea
  • Oryu LightWarrior il 29/08/2008 10:59
    P. S.: sono felicissimo per te che tu ne sia uscita!
    Che La Forza dell'Amore sia con Te!
  • Oryu LightWarrior il 29/08/2008 10:56
    ODDIO!!
    Altroché se è eloquente! Io ci sono passato...
    E l'unico modo che ho avuto per uscirne è stato toccare il fondo (a dire il vero sono precipitato lasciando un cratere! ), per poi accettarla completamente ed accoglierla, la meditazione mi ha aiutato moltissimo e da allora non ho più smesso di praticarla: è come combattere un demone senza forma, una specie di fantasma, un Ombra di dimensioni colossali! Ma ha un punto debole: L'Amore! Se si accetta incondizionatamente, come un bambino ferito, esso comincia a retrocedere... ma non bisogna sforzarsi! Bisogna solo osservare, accettare l'esperienza e comprendere... per quanto è possibile.

    Con affetto: Oryu Haniel LightWarrior.
  • andrea venturi il 17/08/2008 09:17
    questa tua poesia mi ha colpito molto...è davvero sentita ed esprime tutto il dolore che hai provato e che provano tutti coloro che entrano in questo tunnel, della depressione, come della malattia... ma, coraggio!!!
  • le fabbriche dismesse il 01/05/2008 10:41
    Un male che non si vede. che non ha forma e che solo la forza d'animo può curare...è veramente stupenda, nella frase finale cè tutta la poesia.
  • Ugo Mastrogiovanni il 23/01/2008 14:34
    Conoscendo Paola Reda come donna impegnata, intelligente, madre esemplare, moglie sfortunata ma completa, mi sorprende ritrovarla così diversa in questi versi. Certo, la poesia viene utilizzata sovente come condivisione di tristezza, come energia che riscatta da una condizione umana al limite estremo delle proprie forze, ma mi rifiuto di vederci Paola che da sempre ha saputo valorizzare il suo ingegno in diversi campi. La descrizione della patologia è valida ed emozionante, quella di chi l’ha vissuta e che non sa disfarsi facilmente neanche del ricordo ma, io mi auguro che, se si vuole, con molta forza d’animo e fermezza si può attingere come valida alternativa ai farmaci anche ad un costante esercizio fisico, ad un’attività fisica consona la proprio organismo e ad un quotidiano con molte distrazioni, quelle che non mancano ha chi ha un lavoro accettato e piacevole.
  • Anonimo il 23/01/2008 10:16
    Cara Paola, mio tesoro lontano, leggendo la tua ultima poesia, ho intavvisto quelle lacrime disperate, ho ascoltato quel grido muto che stenta ad uscire dalla bocca serrata, anche solo per paura di essere fraintesa.
    Non è facile per molti imparare a guardare nella profondità degli occhi, perchè metterebbe a rischio il loro falso equilibrio.
    Tu sei forte Paola, già il fatto che tu abbia accettato di riconoscere che è parte della tua vita è un passo che ti accompagna verso la salvezza.
    Chi non ne soffre è solo perchè ha fatto dell' egoismo il suo scudo vincente, ma è pura utopia.
    Invece cara Paola, il nostro scudo vincente è l'amore e la luce che attraversa ogni cosa.
    Hai descritto questa bastarda proprio bene, fortunati quelli che non la comnoscono?
    A questo punto non credo.
    Ciao Carissima, il mio pensiero corre e si adagia vicino a te.
    Angelica
  • Luciano Sansone il 20/01/2008 21:35
    Hai detto bene IL MALE OSCURO è devastante! Io lo so perchè ha colpito la persona più cara che ho a me vicino, e, come te, ne è uscita fuori. Per questo collaboro con l'Associazione contro la Depressione di Grosseto. Hai descritto le ansie ed i tormenti che stritolano l'anima depressa fino a consumarla con grande efficacia. Solo chi non sa non può capire!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0