accedi   |   crea nuovo account

ALEXANDRIA

Spumeggia di continuo il mare antico
bagna i miei passi e cancella le impronte
festeggia il mio avvento e subito dimentica
mi tuffa ai piedi, ed ora si ritira
nell’immenso turchese d’acqua e cielo
insieme, che tennero al seno
a queste rive il nostro mondo nuovo

È la sera nell’ora di preghiera
profonda o proforma non so proprio
ma si leva eretta come un lamento
su mille automobili di latta
sul fritto che serpeggia fra i bazar
e ci sfiora, a noi bambini fra le onde
a noi coppiette fragili invisibili
noi gente, disperati mendicanti
di attimi e di cose da saggiare.

Dio è grande! E grande la sua mano
m’abbraccia sulla spiaggia di Cleopatra
io solo, quei bagnanti sullo sfondo
in festa, ed in braccio una chitarra.


El Iskanderiya (Egitto), 23 aprile 1994

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • giuliano paolini il 25/05/2008 11:34
    non so proprio e' una formula che mi piace la uso tanto anch'io.
    come gli uomini sono lontani e vicini soli e circondati fiumi impetuosi
    e greti in secca tutto e' natura nei nostri gesti
    bel componimento

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0