username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

diverso

mi sento naufrago in un mondo diverso da me.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Anonimo il 17/02/2010 16:34
    Ciao. Credo sia la malattia del nostro tempo, un tempo di transizione, una parte del ciclo.
    Chi è più sensibile ha però la possibilità di salvarsi forse, perchè sa.
    Soprattutto inseguirsi è difficile, difficile trovare un ponte tra chi non percepisce questa "malattia" e chi la percepisce ma non sa come guarirla...
    Ciao!
  • Maria Piera Pacione il 21/10/2009 22:49
    io mi sento arenata in un mondo non mio... ciao
  • vincent corbo il 15/10/2009 14:39
    siamo noi stessi estranei a noi stessi
  • Angela Pia Fuscaldi il 13/10/2009 13:59
    Essenziale
  • Anonimo il 28/05/2009 18:28
    Qualsiasi epoca... ma non questa!!!!
  • Anonimo il 11/04/2009 18:16
    Mi ha fatto tremare. Poche parole. Un masso difficile da sostenere.
  • Ada FIRINO il 10/11/2008 09:44
    "Personalità"
  • Ada FIRINO il 10/11/2008 09:43
    Come capisco le tue sensazioni! Ma vai avanti, non uniformarti mai. Questa tua diversità è quella che ti dà una persomalità unica. Siamo con te!
  • carlo degli andreasi il 30/10/2008 22:06
    IO e tutto il resto... forse quel mondo ha bisogno di essere esporato... Ulisse insegna...
  • 8y il 03/05/2008 20:47
    corta ma densa... veramente bello... riesco a capirti...
  • Alessio Cosso il 15/04/2008 13:40
    ... capita anche a me, credo a volte capiti a tutti... poi però all'orizzonte vedi terra... basta non disperare e sopratutto continuare a tenersi a galla guardandosi intorno...
  • Anonimo il 15/04/2008 13:38
    non posso che associarmi ai pensieri di Maurizio. Qui siamo tutti naufraghi, ma funziona a meraviglia l'esercito di mutuo soccorso e un vascello enorme è pronto a tirarti su. nel
  • Maurizio Patrocinio il 28/03/2008 21:36
    Speriamo di leggerti ancora, queste poche parole spiegano la tua solitudine,
    ma qui siamo in tanti ad scoltarti, non sei solo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0