accedi   |   crea nuovo account

Angeli.

Si librano nell'aria con i veli cangianti,
distese di seta vibranti, fatiscenti.
Mi tendono la mano nelle notti senza fine,
le dita tra i capelli che districano nodi
e pensieri ingarbugliati.

Vedo i loro visi inespressivi ma dolci,
le loro lunghe chiome dorate che tagliano l'aria,
la loro presenza costante segue passo passo
la mia esistenza, indorando la giusta via,
indicando il giusto cammino.

Riempiono i vuoti della mia solitudine,
attraverso la sottile linea che divide i due mondi,
mi parlano nei sogni e nelle visioni notturne,
mi scrollano di dosso il peso della vita,
anime pure, ombre candide di luce argentea.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 09/04/2012 10:41
    splendida poesia complimenti

11 commenti:

  • Rik Forsenna il 29/01/2009 23:14
    ... mi piace... brava Aranel!
  • Adamo Musella il 27/01/2009 20:49
    Quella presenza invisibile è quanto di più visibile... quei sorrisi non visti quanto più dolce si possa ricevere... quando si pensa di essere soli solo allora si scopre di non esserlo mai stati... poesia bellissima, brava Aranel baci
  • giuliano paolini il 26/07/2008 14:44
    quanti aiuti e amici ci circondano la vita stessa e' un enorme circo dove tutti cercano di allungare le loro amorevoli mani a volte non capiamo altre volte siamo in altro impegnati poi fatalmente qualcuno scopre il senso e la magia di tutto cio' e ce ne racconta il sapore creando in noi il desiderio di assaporarne il gusto magico
  • Aranel_75 il 16/06/2008 11:11
    Già... non sono nè pazza nè schizofrenica... a volte si vedono delle cose con l'occhio dell'anima che non si vedono con l'occhio fisico. È un sentire che hanno poche persone, quelle che decidono di lasciarsi andare alle proprie personali emozioni senza soffermarsi soltanto sul reale.
  • Michelangelo Cervellera il 13/06/2008 17:51
    Non mi sembra che in questa poesia ci sia alterazione del pensiero o comportamentale quindi la schizofrenia è esclusa, il credere si sentire voci (qualcuno che ci chiama) o "vedere" movimenti è solo la voglia di rincontrare persone a cui abbiamo voluto un'infinità di bene e che continuano a mancarci. (succede anche a me). La comprendo bene questa tua poesia.
    Michelangelo
  • Alfa Alfa il 29/03/2008 11:57
    il primo stadio della schizofrenia è quando senti le voci, poi passi ai profumi e quando inizi a vederli la situazione è compromessa... in bocca al lupo
  • Vincenzo Capitanucci il 09/02/2008 16:03
    Bellissima... scioglierò i nodi dei tuoi capelli.. oh eterna bellezza.. per toglierti una ruga... in una sera... di primavera...
    Mi è piaciuta tantissimo..
    Grazie
    Vincenzo
  • NICOLA RICCHITELLI il 07/02/2008 09:56
    dolce poesia.. carina
  • Ugo Mastrogiovanni il 05/02/2008 20:27
    Genuina, dolce, armoniosa.
  • Antonio Pani il 04/02/2008 18:25
    Versi avvolgenti e dal suono rassicurante. Bella nella sua semplicità e dolcezza. Molto apprezzata, brava. A rileggersi, ciao.
  • enzo napoli il 04/02/2008 13:18
    Tra i versi "come una visione" degli splendidi custodi del tuo animo. Bel testo. Bravo/a..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0