PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

"La mia Africa"

Ho varcato io pure
la porta del non ritorno
ove robusti negrieri,
frustavano a sangue,
mandrie di schiavi.

Ho veduto la angusta porta.
E le pelli, strappate alle membra,
ancora attaccate al suo stipite.
La lunga scalinata,
consumata,
da milioni di strusci.
E il mare!

Azzurro,
e più in là,
di un verde smeraldo;
ho inteso il suo lento respiro.

La brezza,
pregna di salsedine,
si inerpicava lungo il pendio
saziandomi di profumata frescura.

E giù,
in fondo,
ancora intatto,
il molo.
E gli attracchi, ove lunghe navi,
in disciplinata attesa,
inghiottivano poi,
lunghe fila di Anime,
curve,
sotto il peso del calvario.

E sentir mi parea
l'eco di strazianti grida
risalire dalle profonde stive,
che,
cavalcando la brezza,
andavano a perdersi
nelle foreste
dell'immenso altopiano
d'Africa.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0