PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

E venne il buio

Calarono le tenebre,
gli uomini vestirono l’abito della morte
e fu forte,
nell’oscurità di quel cielo brillavano le bombe
che non diedero tregua e fu un’ecatombe,
la paura affogò ogni barlume di umanità
compagna muta delle genti che presero il treno per l’aldilà,
i sogni le speranze si fermarono davanti a quei forni
che non diedero pane ma cenere degli uomini,
lacrime e poi lacrime ancora per non dimenticare l’onta
di questa disumana storia.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 26/10/2013 08:08
    Uno schiaffo all'umanità inferto tra l'indifferenza della gente. Non si poteva non vedere quello che stava succedendo e bisognava intervenire subito. Invece tutti gli stati, tutti, ne furono complici fino a quando l'evidenza della barbarie colpì le loro coscienze. E la nostra nazione è stata complice di quella carneficina e di tanta sofferenza ed i Savoia l'hanno avallata perchè loro l'avevano già esercitata nel mezzogiorno con la barbarie contro il brigantaggio politico e con i loro campi di concentramento e stermibio di Fenestrelle, di San Mauro Torinese e di atri località amene di tortura per i prigionieri. Altro che far ballare i loro eredi in TV! È una vergogna!

16 commenti:

  • Giovanni... il 26/10/2013 19:56
    Grazie Salvatore per questo tuo commento molto gradito... hai proprio ragione!!!
  • Giovanni... il 26/01/2012 21:24
    è giusto ricordare le tragedie degli uomini anche se il dolore ci può dare fastidio per evitare che si ripetano queste atrocità.
    ti ringrazio del tuo passaggio fra i miei pensieri Grazia.
  • Giovanni... il 26/01/2012 21:14
    Questa poesia la scrissi il giorno della memoria di quattro anni fa, osservando le immagini che passava la TV, il dolore e l'angoscia che provai mi diedero le emozioni da trasmettere con questa poesia, mi fa molto piacere che ti sia piaciuta Rosanna
  • Grazia Denaro il 26/01/2012 21:13
    Omaggio intenso al giorno della memoria perchè non accada mai più.
  • rosanna gazzaniga il 26/01/2012 21:02
    Toccante, con immagini che colpiscono:.. i forni non diedero pane ma cenere degli uomini.. Omaggio intenso per non dimenticare. Molto bella complimenti!
  • Giovanni... il 26/01/2012 19:18
    Grazie Loretta!!!
  • loretta margherita citarei il 26/01/2012 17:30
    molto intensa, bella poesia
  • Giovanni... il 13/07/2008 22:19
    ti ringrazio di cuore Anna!!!!!
  • Anna G. Mormina il 13/07/2008 18:39
    ... non è semplice scrivere una poesia come questa... ho il cuore che mi si stringe, lo sai?... ti ringrazio!
  • Giovanni... il 11/05/2008 16:02
    Ti ringrazio di cuore Giacomo per le parole di apprezzamento che hai scritto per la mia poesia.
  • Vincenzo Capitanucci il 04/03/2008 04:24
    Bellissima Giovanni proprio son calate le tenebre su tutta l'umanità e la dignità dell'uomo... c'è tutta la malvagità dell'uomo... nata forse a quella disputa fra i primi apostoli cristiani ed i giudei.. e poi continuata per interessi religiosi, politici ed economici... quanto dobbiamo stare attenti alle parole che pronunciamo... comunque tutta una storia orribile.. scempia... di questo popolo eletto di Dio... che prezzo hanno pagato... e che prezzo paghiamo anche noi... dolorosi ricordi..

    Speriamo che i nostri forni interni... scaldati dai nostri cuori.. producano e ricevino questo pane divino.. e verrà la luce..

    Un abbraccio
    Vincenzo
  • Anonimo il 12/02/2008 17:27
    Come ho scritto nella mia poesia(già da te commentata):
    Difficile perdonarsi per appartenere al genere umano capace di questi e altri orrori.
    Ciao Giovanni.
    Grazie per essere passato a commentare l'inno alla nostra terra.
    Ciao
    Angelica
  • Giovanni... il 11/02/2008 21:52
    Grazie Cinzia i tuoi commenti rinvigoriscono la mia voglia di scrivere, un abbraccio Gianni.
  • Cinzia Gargiulo il 11/02/2008 19:04
    Poesia che racconta molto bene l'ora delle tenebre vissuta dall'umanità...
    Molto bravo!
    Un abbraccio.
  • agnese perrone il 03/02/2008 17:43
    mi è piaciuta molto, hai espresso con molto realismo l'atrocità dell'olocausto.
    Penso però che neanche la paura possa far scomparire la dignità dell'uomo.
    Bravo e grazie per il tuo commento, ciao
  • Riccardo Brumana il 03/02/2008 00:42
    bella l'atmosfera che crei con la tua poesia! anche il titolo merita!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0