PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Caro Padre

Padre il non poterti più abbracciare...
qualche volta entro in un cimitero
una sensazione di triste pace mi assale
IO con circospezione e circumnavigazione
vago per le tombe
Alcune persone puliscono loculo dei cari
poi sostituiscono i fiori ormai appassiti
e pregano e piangono
ma tutto in silenzio
e prima di uscire, davanti a una lapide sconosciuta
ti parlo.
Ma tu non hai volto
a volte sei una piccola croce
a volte un monumento ricco, ma sempre
sofferenza e tristezza.
Padre la mia anima preferisce ricordarti
esile e ancorato a quella sedia
ma pur sempre gioioso e allegro;
e quando il mio dolore trasudava
tu mi rincuoravi dicendo:
<< vieni abbracciami e non aver paura,
davanti al Signore saremo tutti uguali e felici! >>

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0