accedi   |   crea nuovo account

Turbolenze

Sento, ascolto, mi giro intorno,
l’orizzonte scorre lontano dagli occhi
la testa perde il suo controllo
dell’equilibrio ormai andato
e mi ritrovo sdraiato per terra.

Apro l’udito a suoni e rumori
sul timpano invadono cerei colori
le note sul rigo incartate e stonate
scheletriche musiche posano mani
su cuori sfocati ripieni d’ortica.

Il giorno si mischia cambiandosi in notte
pagine nere carpiscono il sole
caldi vapori ghiacciati dal vento,
mi alzo, mi aggrappo, allungo le braccia
tocco col dito alto quel cielo…

Non so il perché, ma è sporco di nero.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 19/04/2012 11:53
    apprezzata bravo silvano

1 commenti:

  • Anonimo il 04/02/2008 23:09
    Quelle turbolenze che impregnano la vita.
    Bella, mi è piaciuta.
    Ciao Silvano
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0