username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

speranza

Taccio
e pongo il mio pensiero
in ricordi lontani.
Vola il cuor mio ai lidi di circe,
ai monti brulli,
al mare spumeggiante
e all'aere impregnata
di odoroso mirto.
Li v'era una candida casa,
che un tempo fè con sudore
il padre adorato
che or dorme il suo sonno
in marmo serbato.
Ah, fanciulletto che fui,
come ben mossi i miei passi,
nel tuo cortile,
quando l'aere estivo
nel meriggio
soffocava il tutto!
Era un frinir continuo
di cicale in festa
e un gracidar di rane salterine.
Ricordo l0odoroso pino,
le aiuole ben ricolte,
l'oleandro venefico
che esplodeva in mille più colori.
Sento ancor chiamare
ed echeggiare
il mio nome
in quel giardino muto.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Maurizio Patrocinio il 02/08/2008 09:18
    Bella rievocazione dei ricordi di gioventù. Descrizione perfetta, sembra quasi di vederla la tua casa. Maurizio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0