PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

SIGNORA DI NOTTE

La tua pelle di seta,
la mano leggera
la tua bocca sincera
colorata e morbida come polpa di frutta,
matura degli anni offerti all’amore.

La tua camminata,
lo sguardo vispo e sicuro,
il dolce sorriso,
che invita a godere
della notte il segreto.

Nascosta nel buio di vicoli scuri,
col fuoco passi le ore a pensare.
Vorresti fuggire, forse morire,
ma è la tua notte
e qualcuno si ferma e t’invita a salire,
sotto lo sguardo invidioso delle altre signore

Speriamo sia buono
e che paghi bene;
chissà, può darsi voglia solo parlare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Fiscanto. il 06/10/2009 00:45
    bella... molto ben fatta
  • Cinzia Gargiulo il 14/05/2008 19:43
    Hai trattato un tema forte con estrema delicatezza. Sei veramente bravo Enzo!
    Un abbraccio
  • bohemien empatico il 04/03/2008 12:36
    eh eh quando si dice "sono una donna non sono una santa"!
    qui contenuto prettamente umano e terreno ma Santo nella forma..
    come vuole Poesia. bella!
  • bernardo gentile il 25/02/2008 21:07
    Con misurata poeticità, affettuosamente, ci dai l'immagine dei vicoli della Napoli vecchia.
  • Antonietta Di Costanzo il 11/02/2008 15:44
    grande a trattare un argomento cosi crudo e reale lo fai con poesia e delicattezza complimenti!
  • Ugo Mastrogiovanni il 06/02/2008 09:45
    E qui si vede l’artista….. competente ed esperto dell’argomento? Non attendiamo risposta, ma certamente esperto di poesia, basta leggere solo il verso “matura degli anni offerti all’amore”.
  • EKIPS _ il 06/02/2008 03:54
    Molto bella, versi piacevoli e sinceri. Complimenti.
    Un saluto.
  • Maria Gioia Benacquista il 05/02/2008 21:18
    Enzo, hai descritto molto bene la suadente signora che vive di notte e attende... Dietro il finto sorriso mille pensieri forse di libertà, di una vita diversa. Ma intanto rimane prigioniera in quel mondo e continua a sorridere.
    Ciao,
    Maria G.
  • Anna G. Mormina il 05/02/2008 18:22
    Certo, son d'accordo con Adelaide,
    queste ragazze, costrette a vita crudele, dura e senza soddisfazioni, riescono a sopravvivere nella speranza che un giorno, quacosa di buono accadrà, anche per loro...
    ... molto bravo Enzo, complimenti e un sorriso!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0