username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La politica

L'Italia è il paese delle caste
belle a vedersi
ma dentro assai guaste,
fatte di uomini pronti a mentire,
quello che conta è non farsi vedere,
mentre si ruba la vita ed il pane
di chi con fatica ogni dì vive male.
La vostra sporcizia ci ha già condannati
a chiedere invano i diritti negati.
Non serve ascoltare le vostre porcate,
son tutte banali menzogne già dette.
E mentre vivete alle nostre spalle
il bel paese finisce alle stalle.
Inetti, corrotti, infami e bugiardi
son solo eufemismi che traducon gli sguardi:
La gente è schifata, derisa e incazzata
attenti rischiate una bella mazzata.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Bruna il 23/05/2014 18:08
    attenti sì, ma a questi politici ora come un tempo sembra non importi nulla di come vive e di cosa pensa la gente normale. Essi sono molto sicuri del loro stato ma fino a quando?
  • Susanna Melis il 14/03/2008 16:40
    Cara Laura infatti non è certo la mia rima a dover creare preoccupazione!!
  • luigi deluca il 09/03/2008 17:48
    sai però cosa succederà fra un paio di mesi? Ci ritroveremo vinca Tizio o Caio di nuovo con le stessa facce da galera
    a gravitare sulle nostre scatole
    gigi
  • Ezio Grieco il 02/03/2008 15:55
    ... e sì; bisognerebbe darsi una mossa. Che tutto il Popolo bastonasse questi nostri "rappresentanti"
    Piaciuta
    clezio
  • Ugo Mastrogiovanni il 08/02/2008 23:32
    Parole coraggiose e sante.
  • Susanna Melis il 08/02/2008 17:38
    Grazie a tutti per l'attenzione dedicatami. Vorrei chiarire che la mia è una semplice constatazione della realtà e, pur non volendo fare di tutta l'erba un fascio, credo che anche coloro che siedono in parlamento senza riuscire ad opporsi a questo miserevole stato di cose ne sono comunque responsabili esattamente come ciascuno di noi me inclusa quando ci rechiamo a votare... pensiamoci bene stavolta, non buttiamo nel gabinetto l'ultima chanche per cambiare!
  • Ivan Bui il 07/02/2008 17:41
    ... forse varrebbe la pena approfondire... per carità, troppi ciarlatani, troppi ladri, troppi inetti, ma davvero sono tutti uguali, stiamo attenti a non correre il rischio di rinunciare a capire, a scegliere, di cadere nella trappola, rassegnarsi significa dargliela vinta. Mi é capitato di ascoltare interviste contro i giudici, i magistrati, usando parole irripetibili e vedere le stesse persone il giorno dopo piangere la morte di Falcone, Borsellino e tanti altri che... difficilmente entro nel merito dei contenuti, ma stavolta l'argomento é delicato... Bella la forma e anche la rima non é niente male.
  • alberto accorsi il 07/02/2008 16:55
    Simpatica la rima baciata. Peccato che dietro non vi sia l'ombra di un pensiero originale.
  • francesco sobberi il 07/02/2008 14:39
    Vero ma sterile. Ti suggerisco questa frase:
    "All’opinione pubblica irritata vorrei offrire questo suggerimento: riformulare d’ora in poi il giudizio negativo. “ Non va bene, Non mi piace, Con, La prossima volta mi faccio avanti io “. ciao
  • Anonimo il 07/02/2008 13:12
    Il tuo pensiero è da me pienamente condiviso e sono anche daccordissimo sui toni molto ma molto duri e diretti da te usati... Brava: hai espresso il pensiero di molti Italiani, stufi delle "menzogne" di "buffoni ciarlatani", stufi di essere presi in giro, stufi di sentirsi ridere in faccia dall'intera Europa (e non solo).
  • Giampaolo Angius il 07/02/2008 12:29
    Quando il rischio diverrà realtà conto proprio di esserci

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0