accedi   |   crea nuovo account

Papavero

Senti,
i baci ardenti dell’estate appena giunta,
tra l’oro di spighe ondeggianti,
che sibilano la loro pacata preghiera di vento
al turchino del cielo.

Io ti ammiro, papavero,
mentre ti pavoneggi in una morbida danza di rosso rubino,
bellezza di una vita da poco destata di cui
nessuno conosce il destino.

Il gelido torpore dell’inverno non è che un freddo ricordo,
è tempo di visioni vibranti,
di frutti acerbi,
di albe dorate e frementi.

Tra le dita tremanti di chi coglie il tuo povero gambo
tu sussurri la tua poesia di luce
e racconti la breve storia vissuta su quel fertile campo.

Fu il sole a donarti la vita,
unico imperatore,
maestoso erogatore di calore ed oro,
fu il sole ad ordinartelo,
e tu arrossisti obbediente,
promettendo di ornare a lungo
il suo tempio splendente.

 

3
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Fabio Solieri il 09/09/2014 18:31
    Papavero Re dei campi, Re di colore. Fiore di sangue
  • Floriano Crescitelli il 12/05/2012 22:24
    Sicuramente un fiore che mi piace.
  • Antonio Pani il 20/04/2009 19:09
    Molto bella, mi piace davvero. Tanta sensibilità, espressa in modo semplice, con immagini efficaci, nitide e accurate. Particolari e molto apprezzati "l'obbedienza e la promessa". Grazie per attenzione e commenti. A rileggersi, ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0