PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tral'Aurora e il Tramonto

Non ho mai saputo perché ma guardavo sempre a ritroso,
versi Tempi più oscuri, verso Stagioni di rigori invernali, di Notti infinite.
In quel Tempo Illusione e Sapienza erano altra cosa:
l'inebriamento della Ragione era similitudine di Dio,
la Malattia era Peccato, il Vizio Compagno fidato.
Tra l'Aurora e il Tramonto una nuova Verità mi fu rivelata,
una Luce si era fatta nel mio Spirito:
io ho bisogno di Compagni,
ma vivi,
non già di compagni morti, cadaveri che non sanno di essere tali,
coi quali accompagnarmi in fumose taverne.
Ho bisogno di Compagni vivi,
i quali mi seguano, i quali seguire, perché vogliamo obbedire a Noi stessi.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0