username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Aridità

Le cose mi furono avverse in questa Vita,
prima mi morse la bestia, poi mi calpestò l'uomo.
L'uomo che in vil conto tiene chi è pronto al compiacere,
e servile, simile al cane, ama distendersi sulla propria schiena.
Ma soprattutto per l'uomo è odioso e spregevole
colui che non vuole difendersi,
chi ingoia la bava velenosa e tollera gli sguardi maligni,
colui che è troppo paziente, troppo presto pago.
L'uomo chiama cattivo tutto ciò che giudica curvo e basso,
gli occhi che ammiccano paurosi, i cuori oppressi,
quel contegno falso e arrendevole
di colui che bacia con labbra larghe e codarde le coppe ricolme.
Eppure quanto è arido l'uomo!
com'è brutto, rantolante, pieno di vergogna nascosta!
Dicono che l'uomo ami se stesso,
ed io chiedo quanto mai deve essere grande questo amore,
giacché contro quanto disprezzo deve combattere!!
La verità è che il Deserto avanza,
maledetto colui che cela in se Deserti.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • annaritaq. il 14/03/2012 21:02
    Un amaro spaccato di questi tempi infami, dove è sempre più difficile trovare autenticità, empatia, condivisione. Purtroppo mi rispecchio nella rabbia e nel disprezzo che traspare dalle rime verso un'umanità troppo infima ed ormai immemore di quella scintilla "divina" che dà la vita (quella vera).
  • Salvatore Ferranti il 21/10/2009 09:48
    l'uomo non dovrebbe amare troppo se stesso
  • sara rota il 22/02/2008 10:21
    Ognuno ha le proprie colpe... certo nessuno è perfetto, anche perchè la perfezione non esiste... il massimo sarebbe cercare di fare il proprio meglio
  • Rita P il 12/02/2008 14:01
    Ma l'uomo che ama troppo se stesso, putroppo cela in se deserti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0