PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Anch'io eppure sono vivo

Anch'io onnivoro
vorace predator di luce,
inconsciamente subdolo
alla realtà che mi circonda

Anch'io nella mia parte,
meschinamente in putrida carne
affollo come tutti infine
tra preghiere divine di speranza

Eppure entro me il tono diverso
nel mentre questo amaro pianto
cola lento e dimesso
mescendo ancor questo denso inchiostro

Eppure in solitudine estraneo,
ancor racchiuso il cuore
ma ancor sensibile il sentore
tra cannibali di terra promessa

Sono inaspriti i frutti terrestri
del mio fantomatico paradiso
promessomi quel lontano giorno
che dovetti cibarmi del mio essere uomo

Sono oramai uomo infetto
dall'antica presunzione,
quando nel giorno del creato
la bestia mancò del rispetto

Vivo ancor oggi cosciente in silenzio
tra catastrofi e guerre di potere,
tra il sacrilego e il profano
testimone ancora di questo tempo che vivo

Vivo ancor come ombra che traspare,
come insensato ritmo nel suono assordante
di un pianeta lascivo al flusso divino
che perentorio mi chiede ancor d'esser vivo...

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 20/03/2010 20:53
    Straordinaria... non voglio aggiungere altro chè superfluo sarebbe.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0