PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ti volevo

Spingeva nel tuo corpo
un impeto di rabbia:
ero io, quello che parlava.
Lasciami scivolare nel tuo letto,
pensavo, e mi avvicinavo.
Ma tu non facevi neanche finta
e ti giravi dall'altra parte, del mondo.
Sono ancora in confusione, da allora
con le mie illusioni, con i miei sogni.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0