PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Doppia mandata

Prora d'acciaio,
intorno a me l'azzurro, sopra, sotto, a dritta a manca.
Eppure se fossi stato cieco avrei goduto maggiormente
della luce, dei colori,
di luoghi che altri possono solo sognare.
Se fossi stato sordo avrei udito chiaramente
le gemme sbocciare su alberi esotici dalle strane fogge,
il fraseggiar di animali misteriosi.
Ma io, stolidamente,
chiusi a doppia mandata la serratura del mio cuore,
ti feci dono della chiave
e...

tu la gettasti via.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 15/02/2008 17:38
    spiazzante il finale, bellidea! ma ben costruite anche le immagini precedenti
  • Jean-Paul AMENTA il 15/02/2008 17:17
    Tout arrive, cher ami, surtout avec les femmes! Courage. (Tutto capita, caro amico, soprattutto con le donne!) Ma senza? come si farebbe? Ciao. JP
  • TIZIANA GAY il 15/02/2008 13:04
    Ma questa donna è stata tanto crudele?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0