accedi   |   crea nuovo account

LA ROMA CHE ERA AMOR

Mi sveglio pensieroso, me ne vado su in soffitta
Essepicuerre trovo scritto su di un tomo
Che narra di quei dì, del Belli e Mastro Titta
E lo fa con calda voce di qualcuno che fù uomo

“Era bello anna’n carrozza, passeggia’ sur sampietrino
Innamorasse sotto l’ombra der sempiterno colosseo
O ai piedi der castello der quer santo cherubino
O sotto er fiato veritiero della bocca magna reo

M’affacciavo da quer monte, puro oggi de nome Mario
Buttavo l’occhio co’ piacere sulla quieta Roma mia
Che poi a sera miagolava come ‘n dorce stradivario
E profumava de pagnotte, de balocchi e de poesia

Rallegrava fasse ‘n goccio de vinello a ‘na cantina
Poi ar Pincio co’ l’amichi pe fa’ tardi ancora un po’
Abbioccasse sotto er cielo e risvejasse de matina
Ar fontanone tanto caro.. ai vostri Anita e sor Totò

Er solo grigio che s’arzava, arrossenno nell’azzuro
Era fumo timidino, era odor de li camini
La gente stava assieme, c’aveva ‘n core sta’ sicuro
Schiava sì, de li potenti, ma nun sia mai de li quatrini

La donna era madre, nun se svenneva a ‘na vetrina
La gioia sua erano li pupi, la famija, er focolare
Pure l’omo era padre, la moje sua era reggina
E mica ‘n passatempo, ‘na fantesca senz’altare

C’avete mille chiese, e so’più vote ogni giorno
Quann’eravate madrepatria e rifuggio der cristiano
L’anima svapora, se n’è ita e nun fa ritorno
Si nun mettete, novamente, parmo parmo quele mano

Er bionno Tevere, li Sette Colli, me l’avete arovinati
So’ traditi, stanno a piagne, e nun c’è chi li consoli
Pur’io soffro e nun capisco, che ve sete combinati
Ve guardo, sete tanti, sete in troppi e sete soli

Io che parlo nun so’ santo, anzi un tizio Rugantino
Che è cresciuto alla berlina, e cantanno serenate
E ve dico: l’aria pura, ‘na parola cor vicino
E la roma ch’era amor.. pe’ come sete le sognate

Corete numerosi, nelle dorci piazze ‘n festa
Provatece a torna’ frizzantini come ‘na vorta
Le risate, la speranza, so’ tutto quello che ve resta
Roma mia nun te scorda’, c’è quarcuno che t’ascorta.”

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • sabrina balbinetti il 26/07/2008 21:11
    vecchia roma sotto la luna nun canti più
    li stornelli le serenate de gioventù
    er progresso t'ha fatto granne.. ma 'sta città
    nun è quella 'ndo se viveva tant'anni fa...
    ANCHE IO SO' ROMANA DE ROMA E TU CO' 'STA POESIA M'HAI ARIPORTATO NEI VICOLETTI DELLA ROMA CIUMACHELLA E ME SEMBRAVA DE SENTI' 'STA CANZONE 'N SOTTOFONNO. GRAZIE
  • filippo s ganci il 19/07/2008 22:05
    Bellissimo omaggio alla città eterna
  • IGNAZIO AMICO il 19/07/2008 21:09
    Mi hai fatto rivivere l'atmosfera romana, unica al mondo. Poesia bella da leggere, bene scritta, ironica e veritiera. Bravo
  • Elena il 28/05/2008 09:29
    Mannaggià sor Ekips! Nunostante che ssei papalino sta poesia m'ha 'ncantato...
  • Paola Reda il 11/05/2008 06:23
    Bellissimo omaggio a Roma, ad una popolazione di un tempo andato quando tutti vivevano "cor core in mano". Bellissimo l'invito alla gente di oggi, da chi governa a chi quotidianamente vive questa Roma che non è più Amor!
    Musicale e malinconica... bravo.
  • Domenico De Ferraro il 23/04/2008 16:27
    Le risate, la speranza, so’ tutto quello che ve resta
    Roma mia nun te scorda’, c’è quarcuno che t’ascorta.”
  • Marco Vincenti il 30/03/2008 11:19
    Roma è la mia città. Concordo con il msg che trasmette questa tua poesia e mi piace davvero tanto questo tuo "poetare". I miei sinceri complimenti!
  • Ezio Grieco il 05/03/2008 12:48
    Io non sono Romano, conosco benissimo Roma però, e deve dire che mi è piaciuta "assai". Bravo
    clezio
  • Anonimo il 15/02/2008 18:16
    "Roma mia nun te scordà, c'è quarcuno che t'ascorta".. Io so Romana e sti versi l'ho sentiti davvero...
    Grazie Ekips!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0