PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'ALTRA CHI E'

Era una sera limpida e pacata
Dipinta a mano di fiori e fantasia
Un giorno appena l’aveva anticipata
Un giorno bello per stare in compagnia.

Era l’estate che nasceva intorno
Lampi di luce scendevano dal cielo
Abbandonata dal luccicar del giorno
Assaporavo il gocciolio del gelo.

Attorcigliati in tenera follia
Finivano gli amori addormentati
Appiccicati tra anima e poesia
Soltanto il tempo li avrebbe separati

Diceva, la mia mente:
io anelo il tuo sorriso
L’altro per me non conta niente
Non lascia tracce scavate sul mio viso

Ma l’altra vita che appena t’ha sfiorato
Ha sparso i fiori lasciati sulla strada
Ha reso il cielo più cupo e più velato
E s’è dipinta colore della giada.

È senza nome è inutile follia,
Non farti prendere dal vento d’avventura
Non puoi distruggere la vita ch’era mia
Non puoi costringermi a viver di paura

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0