PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Viaggio

Un
vessillo nero
piantato sul mio cranio,
tuffato
nelle sue mute rovine;
ho visto partorire
cieche solitudini,
consumarsi il tempo,
ho sentito Amore
naufragare
con orrore
giorno dopo giorno
in attese folli:
nell'occhio dell'anima
impietrito,
riconosco il mio delirio:
Eccolo,
immerso nel baratro
della promiscuità,
a sfamare vecchie abitudini
simili
a guardiani di pietra,
a fantasmi
calati
in un'attonita
maschera del tempo;
ogni voce
un'eco spenta,
mentre le nostre carni
agonizzanti
mostrano scheletri
su deserti polverosi
su cui il nostro
despota
ha piantato da tempo
l'emblema delle nostre colpe;
non basta urlare
per vincere
le grida dei morti,
ed ogni attimo
è un continuo,
interminabile consumarsi
d'inquietudini.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Aldo Occhipinti il 06/06/2009 15:54
    molto baudelairiana questa tua. Piaciuta, davvero.
  • Giovanni Cuppari il 17/02/2008 19:20
    grazie amica, i tuoi commenti sono ben accetti. ciao. Marvin

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0