PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Piccolo Credo ... a Laura C.

Sono una parte di te
male, ti vorrei odiare
Anche voi assassini
siete il mio oscuro
Giustiziando uccido me

Dio è immensa infinita Bontà
Inevitabilmente salverà tutti
Libera predestinazione di Luce
Il male la morte sono triste ombra
Svaniranno nel sole a mezzogiorno

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

19 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 19/02/2008 23:46
    Ciao Riccardo... si sto attraversando un periodo "teologico" sento un bisogno di darmi delle fondamenta semplici ma forti... se guardi il primo commento è di Laura... avevo avvertito in lei una visione così ampia... nella sua dolce purezza aveva abbracciato anche il male..
    Grazie per il commento
    Vincenzo
  • Riccardo Brumana il 19/02/2008 20:58
    una poesia teologica dedicata ad un'amica, anche se non credo rispecchi il suo "sentire". conosco un po' Laura, e non credo che la prima parte della poesia la rispecchi o sia in linea con il suo modo d'essere. nella seconda parte, mi sembra che esca la tua visione di Lui. nel complesso è una poesia interessante. ciao.
  • Vincenzo Capitanucci il 19/02/2008 17:31
    Grazie Angie... un passo... un timido passo... poi un altro.. sempre più cosciente... passi decisi.. sicuri... di trovare terreno su questo sentiero invisibile... poi in punta di piedi... per essere più vicini al cielo... e per paura di poter calpestare... seguendo questa scia che illumina la vita...
    Un abbraccio
    Vincenzo
  • Anonimo il 19/02/2008 17:09
    Una dedica per una persona speciale, che ha la capacità di amare l'amore, ne comprende il vero significato perchè lei, come anche molti altri di noi, si fidano e seguono quella scia che illumina la vita.
    Quando si sta per perdere tutto, oppure anche quando si è convinti di aver perso tutto, quella luce amica, ti avvolge, ti fascia e ti fa scoprire l'azzurro anche dove c'è il nero che apparentemente sovrasta la vita.
    Accolgo questa luce abbagliante, felice di ritrovare e incontrare persone che ne leggono il significato.
    Un abbraccio e complimenti a Vincenzo per l'amore sincero esposto in questa sua poesia.
    Angelica
  • Vincenzo Capitanucci il 19/02/2008 16:41
    Grazie Adelaide... io sono sempre felice ed onorato dei tuoi commenti... si è un rapporto problematico... al di là del concetto Dio, è un rapporto con il profondo di noi stessi... tante volte portiamo una maschera... per mascherare a noi e agli altri... quell'ombra... e ci amputiamo di quell'ombra invece di integrarla...è una parte del nostro vitale...è la nostra forza... poi lo sai... microcosmo... macrocosmo.. non riesco a togliermi dalla mente il tuo alambicco che distilla immagini..
    Sono con te... con tanto amore
    Vincenzo
  • Vincenzo Capitanucci il 19/02/2008 13:17
    Grazie anche per i tuoi doni.. nel...è uno scambio continuo la vita... quando questi muri... inganni mentali devastanti... definizione perfetta... cominciano a cedere... the wall..
    Un abbraccio forte.. alla tua ombra... alla mia ombra... a tutte le ombre... dobbiamo integrarla... abbracciarla come dici tu.. per farla svanire
    Con te
    Vincenzo
  • Anonimo il 19/02/2008 12:57
    Madonna, mi sembra di essere entrata in una cattedrale nella quale non so pregare, ma un incidente stradale pazzesco ha trasformato anche me.. lasciandomi senza parole, ma mi ha donato un diverso modo di vivere la vita e il rapporto con gli altri. mi ha fatto sentire Dio dentro di me. mi ha fatto capire che i miei muri erano soprattutto inganni mentali devastanti. grazie vic per i tuoi doni. nel
  • Vincenzo Capitanucci il 19/02/2008 10:32
    Nastasja... attenta che Rogozin... ti uccide...
  • Vincenzo Capitanucci il 19/02/2008 09:41
    Anch'io lisa credo nella purezza dei fatti... assolutamente.. di batterci tutti giorni per questo..
  • Vincenzo Capitanucci il 19/02/2008 09:37
    Hai perfettamente ragione Lisa... come si può spiegare...è inspiegabile... si può solo capire... e sulla nostra pelle... a 20 anni ho avuto un incidente di macchina.. frattura della 5 cervicale... tetraplegia.. un anno e mezzo d'ospedale... ma ho capito che veniva da Dio... io prima dell'incidente... volevo morire... ero ateo... in questo mondo non mi riconoscevo per niente... non era casa mia... e Lui che mi ha fermato...
    e soffro oggi con chi è distrutto... umiliato... ucciso... ho raccolto firme per quella donna... che volevano lapidare in Africa... ho messo volantini... ma se al male rispondiamo con il male... giustiziando anche in nome di Dio... peggioreremo solo le cose come sempre
    Grazie Lisa
    Vincenzo
  • Vincenzo Capitanucci il 19/02/2008 09:21
    è nata questa poesia dalla tua purezza... Laura... e dalle mia ombra... dalla tua dolcezza... e dalla mia quasi violenza... in quel incontro virtuale che abbiamo avuto ieri... su quei confini... che tando odio... e che tu hai saputo spazzare via... dalla tua vita...
    anche a te zzucca ccu st'anima sutta-supra
    con Amore fraterno
    Vincenzo
  • laura cuppone il 19/02/2008 06:14
    ps... mai ricevuta una dedica...sono proprio troppo contenta...:bacio:...
    ciao.. Laura
  • laura cuppone il 19/02/2008 06:10
    Vincenzo... non ho parole... commossa.. e stupita.. mi leggo nei tuoi pensieri e sono felice che tu mi abbia "vista"!!! grazie sole!!!
    un immenso abbraccio.
    un grande bacio!!!
    ancora grazie...
    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0