accedi   |   crea nuovo account

Disposizioni per un esequie

Con scalpitar potente d’andatura a tempo
riverente in segno di rispetto
lenti marciarono i cavalli,
con scialli a lutto sopra il petto fregiati,
come disponesti:
<<Morelli quattro tutti neri
e Bai quattro molto bruni,
dispensate da fiori e da corone;
che regni sacra la quiete;
la carrozza di vernice scura
spoglia d’intagli e di rilievi,
ogni putto meglio sia d’abete;
dodici i ceri su colonne d’olmo,
che i prelati siano con cura
scelti tra quelli registrati,
le casule viola damascate,
d’incenso il turibolo stracolmo,
i chierichetti vengano abbigliati
con cotte a gigliuccio ricamate;
celebrante sia il confessore
quello che rimise i miei peccati
unica strada per il Creatore.
Con cilindri e livrea i tre cocchieri
e gli staffieri siano appiedati.
Mi perdoni Dio onnipotente
se desidero partire in compagnia
e che quel giorno venga tanta gente>>
Tutto come richiedesti cara zia:
sui margini gremiti della strada
moderati gli applausi e modesti,
ingente il seguito per via, muto.
A mani giunte, tacita, ordinata,
una folla commossa, sempre grata
a capo chino in guisa di saluto,
processione devota per un Santo
scomparso solo per un poco
che fra non molto, come per incanto
lampi nel cielo brillerà di fuoco.
Eccoti zia un breve resoconto
di quello che volevi e già saputo
d’un trapasso privo di tramonto
rimasto memorabile e solenne
come la tua vita che divenne
per tua bontà perenne.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • Donato Delfin8 il 08/10/2009 23:50
    Molto bella.
    Bravissimo come sempre
  • Alfa Alfa il 03/03/2008 11:02
    Vedere poesia in un funerale è un fregio di cui possono ornarsi soltanto i veri poeti. articolata la struttura ben definite le immagini, forbito il vocabolario. complimenti per lirica, metrica e cinestesia
  • celeste il 27/02/2008 21:14
    Scacciato dai chiericchetti/ voglion tutto loro il proscenio/ stavo tra i paggetti/ a divider i proventi/ si va dal sacrestano/ i primi soldi miei/
    un pacchetto di malboro. Grazie Grande Ugo
  • sara rota il 22/02/2008 09:26
    Un funerale descritto con rispetto e sentita partecipazione. Bravo
  • Vincenzo Capitanucci il 22/02/2008 03:34
    Bellissima... ce doit etre ici le relais... où l'ame change de chevaux... Supervielle... i tuoi bellissimi versi mi hanno ricordato questo epitaffio... ma nella parte finale leggo altro... d'un trapasso privo di tramonto... come la tua vita... la tua bonta perenne.. come per incanto lampi del cielo... mi ricordano.. sarete trasformati in un istante...
    Disposizione d'immortalità
    Un augure di cuore
    Vincenzo
  • Gabriella Salvatore il 21/02/2008 14:31
    splendida poesia, vergata con stile, come sempre

    penso che le mie disposizioni saranno un tantino diverse, le più semplici possibili, e spero il più lontano possibile, naturalmente
  • Anna Lamonaca il 20/02/2008 14:29
    meravigliosamente significativa, fa riflettere...
  • Anonimo il 19/02/2008 19:16
    stupendamente scritta..
  • Giampaolo Angius il 19/02/2008 13:01
    Ritengo che il migliore omaggio alla dipartita siano queste righe vergate in uno stile che mi piace molto e che trovo affine al mio. Chiedo scusa per la presunzione. Serene 24 ore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0