PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Folgore

La vena pulsante di battiti arcani
accese la notte di spire accecanti,
simile a serpe che arde, sibilante come lame roventi,
scortata dal rullare di mille tamburi.
Un solo momento ebbe ragione del buio,
onnipresente Signore assoluto,
poi si richiuse la cappa di tenebra cupa.
Ma le mie retine,
in guisa di stigmate,
recano impresso il fulgore di ciò che mi sono negato.
Adesso,
come l'affamato che dopo il digiuno
rigetta il cibo che infonde vigore,
i miei occhi ancora fuggono l'accecante bagliore,
ma ora so di poter,
anch'io,
offrirli alla luce del sole
senza il riparo di lenti oscure, senza tema di poterli ferire.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anna Lamonaca il 20/02/2008 14:22
    Le tue parole sono davvero come la folgore...
    Abbagliano e splendono di luce propria!
  • max22 - il 20/02/2008 13:15
    La notte, così puttana, così necessaria. Maschera le nostre inquietudini trasformandole in dolori, speranze e disillusione. Notte, assurda meretrice, cingi i miei occhi, donami il riposo dei vinti...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0