PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Linee Diverse

Se c'era una Linea io non l'ho veduta.
Se c'era una Linea io l'ho varcata.
E furono i giorni dell'Ira, dell'Ira che tutto sconvolge,
distrugge una vita che pareva appagare colui che ne era padrone.
Ogni volta che portavo il bicchiere alla bocca, per suggere l'ardente Veleno,
Minosse spietato Giudice, dell'Averno potente Signore,
con un colpo di coda avvinghiava il mio corpo,
di un altro cerchio più in basso mi sprofondava.
Rabbioso e schiumante mi aggiravo per le calli infernali
quando mi apparve un'Ombra, l'Ombra di un Uomo.
Repentini scattarono i meccanismi di allerta,
chi è mai Costui che sì diafano appare?
Non è certo un compagno che mi invita a libare,
le sue mani son vuote,
non reggono calici colmi di fetida broda.
Quando fu giunto alla distanza di un passo
come cane randagio presi a latrare,
come topo di fogna cominciai a squittire,
ma l'Ombra, per nulla impaurita, prese a parlare:
"Ristatti un momento nel tuo cieco vagare, siedi ti voglio parlare,
ti voglio narrare la storia di un Uomo,
e di un altro Uomo che fu il Suo primo Fratello.
Quest'Uomo viveva oltre quelle Colonne che Ercole pose come limite estremo,
abitava la Terra scoperta da un Genovese,
nomata America in onor di Amerigo.
Il suo nome era Bill,
la sua magra esistenza si trascinava con infinita tristezza
da un bicchiere ad un calice, da una pinta ad un gallone,
poiché la sua ora tardava a scoccare.
Poi un giorno smise di precipitare, aveva toccato il Fondo del Pozzo,
mentre schiantava e frantumava le ossa sul Fondo
pensò alle parole scritte da un Grande:

"Chiunque la Sua primitiva Dignità abbia perduto,
nella Disgrazia è preda dei Vili!"

Come San Paolo sulla via di Damasco da quelle parole fu folgorato.
Va bene! Aveva capito, non restava che risalire.
Ma il Pozzo era fondo, non c'erano appigli!
Le sue pareti ben levigate
come specchi beffardi riflettevano all'infinito l'immagine di un uomo prostrato.
Allora sedette e si mise a pensare:
"A chi chiedere soccorso in questo frangente?
ad un Luminare ad un grande Dottore?

No! già troppi ne ho consultato,

123

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0