accedi   |   crea nuovo account

La gabbia

Pregusta qull’attimo di libertà .. ancora un poco prima
Che lui arrivi…ma anche sola è come timorosa
Di guardare fuori, anche di sorridere..
Forse lui noterebbe l’impronta del sorriso..
Chiedendosi per chi era il sorriso se non rivolto a lui.

Prigioniera di quella gabbia dorata.. invidiata..
da chi ha la libertà.
Si guarda allo specchio…brutta sono brutta.
Nessun uomo potrebbe amarmi solo lui… è ..
Cosi buono a tenermi con sé a volermi.. io cosi..
Stupida incapace di impostare un discorso … è giusto
Che mi corregga magari un po’ brutalmente,
perché forse non capirei in altro modo.. lui sa tante cose.. lui
è bravo.. come sono stata fortunata.

Eccolo … arriva un brivido …un sospiro
Devo sorridere… si sorrido ..
Bentornato amore

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • rainalda torresini il 24/02/2009 19:39
    Credo che il messaggio sia : "Chi dice che in amore non siamo prigioniere?". Anche se in questo caso non si può chiamarlo propriamente tale...
  • laura cuppone il 24/02/2008 00:02
    certe gabbie... non sono intorno ma dentro...
    quest'argomento é delicatissimo... Si spera nell'attenzione della legge... e anche di certe donne difficilmente "raggiungibili" perchè vengano aiutate...
    ciao Giovanna..

    laura
  • Giovanna Faccendi il 23/02/2008 00:36
    ciao Laura non è provocazione è la condizione di molte donne apparentemente felici nella loro gabbia
  • laura cuppone il 23/02/2008 00:04
    ... non credo d'aver capito bene... non so se il tuo é un appello o una provocazione..
    comunque sia sento un retrogusto amaro e soffocante..
    manca l'aria e il colore al sorriso della paura...
    ciao Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0