PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

IL MAGO FAGGIANO

Non ti sbilanciare
disse il mago Faggiano al mago Alveola
mentre si apprestava a far volare la ragazza

Mossa da fili invisibili
tra il rumore del silenzio
con un velo bianco e sottile
ruotò nel cielo come una colomba in amore

Volarono anche gli occhi e i desideri del pubblico
tra le forme e le movenze

Poi forse nello sbaglio di una luce
che ingannò una tenda
apparve il filo che legava le ali
e mille nasi come mirini puntarono l'errore
e dalle voci nascoste uscì fuori qualche minaccia

Il presentatore invitò al contegno
ma il vecchio col berretto a strisce gridò
.. cialtrone hai smascherato la mia infanzia

Il mago ripulì lo sconforto
apparso in un sudore freddo
e con voce bassa risalì
... Signori miei
la magia è come l'amore
ha nella sua durata il suo difetto
e nel rischio il suo fascino
poi non è realtà ma solo un'emozione
che offusca gli occhi per far vedere il mondo
come non è

Il pubblico capì che la vera magia era nelle sue parole
appena finite di ascoltare e si sciolse in un applauso
per quell'uomo che senza arrendersi sosteneva
la filosofia di far sognare ad occhi aperti
-------------------------------------------------------
Da:Poesie cialtrone
www. santhers. com

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0