PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dedicata

È d'uopo ch'io sia acconcio alla bisogna,
come Cavaliere pronto a dar battaglia vestirò la corazza
atta a proteggere il corpo dagli acuminati strali che,
come mortali picche,
saettano da lingue velenose.
Lo scintillante scudo serrato saldamente al braccio,
sarà usbergo per il volto,
ché non venga raggiunto,
indi corrotto dal veleno sputato in quantità copiosa da chi,
abbietto e tristo,
ha in spregio Sobrietà e Franchezza,
ché ciò gli procura infinita doglia.
La corta daga,
dal doppio filo sapientemente lavorato,
con mano ferma calerà ogni volta,
senza pietà alcuna,
e avrà ragione di ogni umano, bestia o mostro,
che si porrà tra me e il mio Viaggio.
Altro non chiedo se non di viver sobrio tra le sobrie Genti,
ma sarò Incubo, sarò Nemesi,
per chi oserà negarmi questo,
sarò Saetta, sarò Tuono,
se ciò mi sarà negato.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Riccardo Brumana il 06/03/2008 18:35
    yeah!!!! spettacolare!!! adrenalina che scorre in vena!!!
  • Gabriella Salvatore il 25/02/2008 10:56
    bellissima, un arazzo del passato in cui emerge la figura del cavaliere, nobile e desideroso di giustizia.. a metà strada tra Lancillotto e Parsifal.. almeno per me!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0