username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sopravviveremo

Ci sono quei giorni,
dolci,
in cui sembra di potercela ancora fare,

ancora una volta,

giorni di quiete spalmata,
giorni di soli leggeri.

Giorni che profumano.

Poi finiscono
e ti accorgi che erano solo parentesi,
ingannevoli illusioni,
fugaci apparizioni di felicità
nel nauseabondo cassonetto della vita.

Giorni da respirare,
da gustare,
da buttar giù.

Adatti solo come ricordi,
in notti come questa,
in notti imbronciate,
quando ti vien voglia di arrivare,
finalmente,
alla parola fine.

È quasi giorno,
caffè e giornale,
basta scrivere,
caffè e giornale,
poi dormirò un po’.

Arriveranno altri giorni dolci,
in caso contrario,
beh,
sopravviveremo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • gabriella zafferoni sala il 02/01/2009 20:11
    sottile, amara e vera.
    d'analisi e bilancio accorato, di sintesi con ontologico responso
  • Michelangelo Cervellera il 12/04/2008 01:28
    Giorno dopo giorno in attesa del dolce giorno. Mi è piaciuta, ma penso che Riccardo abbia ragione, in genere hanno più "forza" le tue poesie, sarà stato un giorno grigio. Michelangelo.
  • Riccardo Brumana il 15/03/2008 23:59
    una buona poesia ma non ha il carattere che di solito riesci ad immettere nelle tue composizioni.
  • max22 - il 04/03/2008 20:00
    Ci son giorni illudenti, illusori, perdenti... ma poi il maresciallo VITA nell'ordinario ci (ri)porta... bella e vera, complimenti
  • Ivan Bui il 29/02/2008 13:54
    ... ci sono giorni in cui leggi, quasi per caso, versi come questi e pensi che ci sono ancora le cose belle, basta cercarle al posto giusto. Bellissima.
  • nicoletta spina il 26/02/2008 15:48
    condivido il tuo sentire... e ammiro la dolcezza dei versi. Sai... quando mi sento così vado a ricordare una storiella africana : "oggi un incendio ha bruciato il mio granaio... poco male, vorrà dire che stanotte guarderò la luna"
    Ciao
  • tore chiaro il 26/02/2008 11:44
    Grazie duccio del passaggio, grazie anche per il tuo aiuto cercherò di limare, devo ancora ingranare la marcia ciao e grazie le tue poesie mi piacciono ottimo ciao Tore
  • laura cuppone il 25/02/2008 23:37
    ... Sei tenero in questa poesia... non che tu non lo sia mai stato...... ma in questa sei intimo quasi... come se seduto su una panchina parlassi ad un amico... la cadenza dei giorni sembra tracciata da un copione.. la maggior parte della gente non apprezza davvero ciò che ha...
    ma non si smette mai di sognare, no?
    né di voler capire... o amare..
    un :bacio: Duccio.
    laura
  • Anonimo il 25/02/2008 22:37
    Duccio, una delle tue poesie purtroppo più sentite...
    Chi non ha provato una volta nella vita quello che tu descrivi nella tua opera...
    Infatti l'unico è attendere quelle giornate più docili e nel frattempo imparare a sopravvivere.
    Mi è piaciuta tanto.
    Ciao Duccio
    Angelica
  • Gabriella Salvatore il 25/02/2008 22:27
    anche i giorni "giù", possono essere una parentesi... in attesa di quelli lieti.. l'importante è vivere, non accontentarsi di lasciarsi vivere.
    Bella, mi è piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0