PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Medioevo moderno

Dai cupi bagliori dell'Età di Mezzo,
dal nauseabondo fumo frutto di carni e ceppi combusti,
mentre il Cristo sulla Croce volge altrove lo sguardo inorridito,
ad Oggi soglia del Terzo Millennio,
molto è stato fatto,
nulla è mutato.
Ad ogni pestilenza ancora segue la caccia all'untore,
ecco i patiboli, la Notte dei Cristalli, i lager,
e il Cristo ancora volge altrove lo sguardo rassegnato.
Che altro possiamo chiedere al Signore
dopo il sacrificio del Figlio Suo crocifisso?
Immolato per salvar l'Umanità dal peccato,
dalla malvagità, dall'egoismo, in cui affoga ignara.
La prossima volta che renderà manifesto il Suo volere
sarà l'Apocalisse,
le Trombe del Giudizio metteranno a dormire i vivi,
richiameranno i morti,
e al cospetto Suo ognuno di noi saprà.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Alessio Cosso il 18/03/2008 16:56
    ... difficile da leggere, sia per la crudezza delle immagini che per la metrica complessa... però è sicuramente molto vera...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0