accedi   |   crea nuovo account

UN BARBONE ALLA STAZIONE TERMINI

Sdraiato sul bordo di un muretto
dorme sognando
un tetto, o un pasto,
o magari forse entrambi.
Sogna forse, nei momenti di il lucido coraggio,
di svegliarsi da questo incubo
Quotidiano.
Beve d’elemosina per dimenticare.
O per ricordare.
Non sa più neanche lui.
Chiama casa un cartone.
E Natale non viene mai.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Pablo X il 25/06/2008 23:52
    Bella, ho scritto anch'io una poesia sui barboni prima o poi la pubblico. La cosa più sconvolgente è sapere che chiunque può finire così, se lil destino si accanisce.
  • Stefania Barbieri il 25/06/2008 10:21
    Bella!!! e se fossimo noi quelli che beviamo elemosina di sentimenti per dimenticare???
  • bernardo gentile il 02/03/2008 16:48
    Oscuro è il modo di agire delle persone per bene?
    La naturalezza del vivere da barboni è troppo visibile e non riusciamo a capire.
  • Giampaolo Angius il 28/02/2008 15:46
    ll percorso della vita non è un tracciato immutabile, a volte è sufficiente il "desiderio" seguito dall'azione per poter deviare, anche di poco, il rovinoso solco. Comunque la poesia descrive in modo eloquente ed elegante una triste realtà. Serene 24 ore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0