accedi   |   crea nuovo account

LA SOLITUDINE DELL’ALCOLIZZATO

Un caffé corretto mi fa star bene 5 minuti
Una birra 10
Una bottiglia di vino rosso anche un paio d’ore
Poi tutto intorno si scioglie in nero
Il puzzo di mattina stantia appiattisce l’orizzonte
E resto con i cocci di sogni ormai bevuti
a deformare la realtà
nel fragore dei fantasmi che ridono di me

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • dna blu il 26/03/2009 06:05
    è dura, durissimo ma avvolte cè bisogno di un appoggio. Non AVER PAURA DI CHIEDERE AIUTO, IO ho sempre creduto nella bontà degli sconosciuti.
  • Giampaolo Angius il 28/02/2008 15:36
    "Finché non capisci che è tempo di riempire il vuoto
    con ciò che di buono il giorno ti offre prima di morire,
    e gioiosamente ti appresti a ramazzare i cocci." Questo è il finale di una mia poesia (Presupposti). Comunque se ti può servire sappi che esiste il sistema per derire i fantasmi e colorare il nero di tutti colori dello spettro solare. Serene 24 ore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0