PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poeti

È inutil che gridiate
o voi poeti
che nessun v'ascolta
Soli nei caffè
gli aneliti affogate
Le dispute
fra voi
non han più eco
D'esister pensate
ma v'han serrato
in chiusi loculi
A meditar la miseria
fintantochè
non v'arrendiate
all'ipocrisia
o non v'addormentiate
alla vita
nella morte
della Poesia

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 29/07/2016 11:55
    apprezzata... complimenti.

2 commenti:

  • Nicola Saracino il 07/08/2008 18:45
    la morte della poesia è nell'ipocrisia. e che la morte della poesia sia un addormentarsi alla vita è vero, di quella verità (non realtà dico, ma verità che fa vivere e di cui vive la poesia. Felice di leggerti, Simone
  • Ugo Mastrogiovanni il 03/03/2008 13:25
    Con molto garbo e non senza spirito, Simone Veltroni ci offre il senso di una occasionale opportunità per riflettere sulla sua straordinaria figura, quella di chi, come noi che lo leggiamo, si diletta a scrivere qualche verso dilettevole e distensivo. Certo che molti non ci riconoscono ma, quando uno fa qualcosa per diletto, può anche pensarla come il divino poeta <non ti curar di lor ma guarda e passa>.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0