username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Nel mio angolo di cielo...

In un tramonto verde di campi da golf e blu di ruscelli e cieli, il tempo si è fermato.
O ha solo rallentato il suo incedere frenetico.
Allora rimango seduta nel mio angolo di cielo con l’erba umida e profumata sotto i piedi e tanti desideri in un oceano di stelle ancora spente, trepidanti di essere accese come candele in chiese immacolate. Profumo di fiori d’arancio.
Fiori bianchi e soffioni come candide e fragili spose in attesa.
Profumo di pane abbrustolito, cene e ricordi, pensieri e bambini che parlano lingue vivaci.
Una scia nel cielo, rumore di aeroplani.
Passa un treno sotto il ponte, ma resto qua. Ferma nella piccola stazione desolata dove gli orologi non hanno lancette e dove si incontrano i ricordi, il presente e un futuro di sogni e poesia.
In un tramonto senza tempo e senza nome riempio il cielo di parole come un grande cruciverba, indovino il mio destino e canto il vento smaterializzandomi in una natura lenta e incantata  per ritrovare nuove forme e sentirmi pienamente viva.

 

1
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 18/11/2013 04:13
    apprezzata, complimenti.

5 commenti:

  • roberta z. il 13/04/2008 14:54
    sì concordo con voi per quanto riguardala catalogazione...
  • luigi deluca il 13/04/2008 07:32
    una "fotografia" di un attimo di solitudine, di contatto con la natura e il mondo che ci circonda, sottilmente "triste" e delicata, ma ha ragione Maria, sembrerebbe più giusto catalogarla come "Racconto breve"
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 04/03/2008 15:44
    Più che un poesia i sembra un racconot breve.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0