accedi   |   crea nuovo account

Dedica alle donne

Soavi creature che ogni giorno sognano,
principi azzurri o ranocchi che le amino,
su pensieri leggeri come il vento camminano
e senza che le sfiori neanche un tormento sembra che volino.

Già, i tormenti che in passato spesso
le han fatte nascondere dietro un sorriso oppresso
o anche soltanto dentro al cuscino di un letto
che raccoglieva dolci lacrime
e oscurava quel disegno così perfetto.

Chissà quante gocce di tenero pianto sono state versate
per permettere oggi a noi tutti di vederle fragorosamente fiorite,
in ogni angolo di questo pianeta
dove la femminilità rimane bellezza suprema.

Quello che scrivo non ha una rima perfetta
e spero che nessuno leggendola ci rifletta,
ma infondo credo che senza donne ogni giorno,
l'uomo non saprebbe di cosa esser contorno,
se non di una vita spenta e pianeggiante
che non avrebbe senso senza una figlia d'Eva come regnante.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Luca Nocentini il 09/03/2008 21:25
    Grazie a tutte care, Charlotte tra tutte ma per ovvi motivi (non parliamone troppo che poi qualche stolto non dia troppo fiato a parole inutili), resta il fatto che nessuno però ha dato neppure una stellina a queste righe.. Proprio così tanto schifo? Grazie cmq di essere passati, a tutti! buon inizio settimana!!!
  • nicoletta spina il 08/03/2008 22:26
    Bellissima dedica di un uomo che le donne conosce e ammira, e condivide il loro sentire, sognare e soffrire. Come donna ti dico : GRAZIE
  • Anonimo il 08/03/2008 17:41
    Grazie anche a te Luca
    anche questa dedica è molto gradita... perchè racchiude il tuo sentire..
    Stolto chi si maschera dietro l'essere solo maschio...
    Un vero uomo è capace di piangere e soffrire...
    e di saperlo riconoscere
    Ciao Luca
    Angelica
  • Luca Nocentini il 08/03/2008 12:18
    Grazie a tutti, grazie davvero.. Stolto chi crede di poter farne a meno, e stolto chi ride vedendo un uomo soffrire per una donna, ma purtroppo, come si dice, se a questo mondo non ci fossero i coglioni come si potrebbe riconoscere i furbi?
  • Vincenzo Capitanucci il 08/03/2008 10:54
    Una melodia bellissima.. incantatrice... come le donne a cui l'hai dedicata

    Vincenzo
  • Giovanni Cuppari il 08/03/2008 00:01
    Un inno a quella affascinante creatura che è la donna. rassegnamoci, non possiamo farne a meno. Sono solidale con te Luca. Un bravo affettuoso. Gio'

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0