username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

dopo che sei andata via

sento nel mio cuore il bimbo che piange
perchè è solo nel buio,
vedo nel mio cuore il soldato pronto a morire
per difendere la giustezza del suo credo,
ospito nel mio cuore il cerbiatto spaurito
per difenderlo dal cacciatore,
e le pareti del mio cuore
sono tappezzate di fotografie...
(ma la tua l'ho stracciata!)

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Riccardo Brumana il 09/09/2008 21:59
    sinceramente la "rabbia" non l'ho sentita... proverò a rileggerla in un altro momento...
  • STELLA BRUNO il 24/08/2008 11:28
    non essere triste luigi, un intero album di foto e' pronto per sostituire la foto stracciata. auguri.
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 27/05/2008 16:22
    triste...
  • Cinzia Gargiulo il 25/03/2008 10:48
    Poesia bella e profonda con una chiusa carica di un'ironia dal sapore amaro.
    Un abbraccio e un :bacio:
  • Vincenzo Capitanucci il 25/03/2008 02:43
    Stupenda... questo eroico bambino.. queste due dimensioni... preda e predatore... mi porti nel cielo di Orione... nella lontana immagine di una Scorpione

    Con stima.. miscellanea.. perfetta... di semplicità e profondità
    v
  • aurora beatrice giacca il 11/03/2008 13:07
    sei pronto ad accogliere nel tuo cuore paure e sentimenti dell'umanità, ma il peso di questo amore finito male non riesci a sostenerlo probabilmente... molto bella...
  • Maria Lupo il 11/03/2008 01:03
    Molto bella, immagini malinconiche ma in fondo piene di speranza... essere se stessi e potersi fidare di quel "soldato" che può difenderci... L'ultimo verso lo trovo amaro, non divertente, ma mi piace molto.
  • luigi deluca il 09/03/2008 18:53
    grazie Caterina, e grazie a (come si pronuncerà mai?) Zzucca Rata, c'è una mia poesia che si chiama MARINA e ho pubblicato anche un racconto con lo stesso titolo, dove parlo, purtroppo, della morte di una ragazza, un dolore di tanti tanti anni fa, che è ancora vivo in me.
    gigi
  • luigi deluca il 09/03/2008 18:47
    hai visto il finale in modo "divertente" un po' alla Benni, ti pare? In effetti c'è anche un pochino di autoironia in quella chiusa, e mi fa piacere tu l'abbia condivisa
    gigi
  • Argeta Brozi il 09/03/2008 16:47
    Bello l'impatto iniziale e, scusa se lo dico, ma divertente il finale! È vero, è da tanto che non do altre opere, prima o poi mi convincerò a metterne altre, ho così tanti crediti che non saprei dove metterli! Ma si possono dare in regalo?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0