accedi   |   crea nuovo account

Senza voce

Il vetro appannato dell'auto.

In questa notte di specchi.
Muti riflessi di un'anima che soffoca.

Disegno scritte con un dito, sordo il mondo oltre il vetro.
Colano e si sciolgono in fretta
lasciando segni deboli della loro breve esistenza.

Non sento niente.
Gesti che muoiono all'istante
lasciando solo la scia nell'aria che muovono.

Dolore denso come il miele.
Movimenti rallentati in un barattolo di suoni ovattati.

Anestetizzata.
I sentimenti mi scivolano addosso
come i rigagnoli delle scritte sciolte sul vetro.
Mi muoiono dentro in un doloroso aborto.

E gli occhi
si chiudono cercando nuove dimensioni in cui rinascere.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 08/04/2008 14:43
    ... a rinascita avvenuta... ti faccio tanti auguri... nel
  • Anonimo il 09/03/2008 17:33
    dipinto doloroso che scivola dal concreto allastratto fondendo le due dimensioni

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0