PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non posso

Come posso pensare
nella tomba del mio letto
che non ti svegliero più
mai più
Tutto è inanimato
e le mie mani brancolano
nella penonbra sospesa
Sento di affogare
in un lago calmo
senza suoni ne vento
Volano silenziosi neri uccelli
nell'ambrato cielo
Fra le fronde gocciola il pomo maturo
nell'attesa infinita
Sulla schiena striscia la solitudine
fredda e totale
Galleggio stanco
nel tepido giaciglio che conserva
geloso
la tua polvere.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • laura cuppone il 10/03/2008 07:37
    ... si entra così.. leggeri come piume, staccate da ali che volavano.. nella stanza della solitudine..
    molto toccante...
    sospesa..
    solitaria..
    bella!
    ciao Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0