username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La strega

Davvero amore
adesso mi dici che sono una strega
ma non ti eri accorto amore mio
c’era una strega vicino alla santa
dentro di me…

La strega ti ha incantato
ti ha fatto innamorare
la santa è per adorare
voler bene e rispettare

Era lei che ti stringeva tra le braccia
che ti infuocava
e ti regalava il paradiso
e tu, stranamente
“angelo mio” la chiamavi
mentre la santa pregava
che quel momento non finisse.

invece l’angelo di mattina
che si prende cura di te
cosi tanto che ti infastidisce
strega la chiamavi fra i denti
e quando viene la sera
diavolo che c’è in me
la preghi, la invochi...

Oh, amore come siamo vicini
e lontani
forse quel che è santo dentro di me
si incontra sempre con il tuo diavolo
e meglio cosi dolce amore mio
altrimenti, la nostra storia
non avrebbe senso
sarebbe ad un passo dalla fine…

Non hai scampo, non illuderti
che cacciatore di streghe
puoi essere
anche se prendi la strega
ormai ti sei innamorato dell’angelo…

Giochi con la strega
lei sarà contenta
non tocchi l’angelo tesoro
le sue lacrime
la strega non li può sopportare
ti farà soffrire
ti farà a pezzi
e poi… ti farà sparire…

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • suzana Kuqi il 22/04/2008 23:39
    Grazie Chiara
  • suzana Kuqi il 11/03/2008 15:49
    Grazie signor Ugo. Grazie di cuore che avete letto la mia poesia. Suzana.
  • Ugo Mastrogiovanni il 11/03/2008 15:17
    In una donna c’è sempre stata una strega, quella in grado di attrarre, di ammaliare, di sciogliere l’uomo col suo amore, anche se a volte nascosto da diverse apparenze. Bisogna anche rilevare, e Suzana Kugi lo dice nei suoi simpatici versi, che è sempre esistito in concetto della strega santa nella descrizione fenomenologica delle “analogie” paranormali fra sante e streghe, come fra santi e maghi. Sviluppare l’argomento sarebbe complesso e irriverente in questo luogo di dispute amatorie, così mi piace chiamare il colloquio cauto e devoto del poeta verso il suo uomo.
  • Vincenzo Capitanucci il 11/03/2008 13:31
    Bellissima... in questo dolcissimo sparire.. si rivela un gran secreto della vita..
    l'integrazione di strega e santa.. di ombra e luce... d'amare tutte e due...

    Una visione d'angelo... la tua Suzana
    Vincenzo
  • suzana Kuqi il 11/03/2008 12:24
    Grazie bohemien empatico. Suzana.
  • bohemien empatico il 11/03/2008 09:32
    Bellissima Poesia! L'uomo è proprio la strega che vuole, ma anche la Santa, non riesce a farne a meno: rimaniamo intrappolati in questa morsa. Senza possibilità di scampo, e alla fine il non scappare è una scelta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0