accedi   |   crea nuovo account

Malinconia

La pesante pietra tombale fu posata,
qualcuno incise su di essa un epitaffio:

"Albergo dei poveri"

Quante Vite poteva contenere quel sepolcro?
Ora l'occhio terso della Luna guarda il Pianeta da un Cielo nero,
le ultime foglie dell'Autunno, strappate dai rami degli alberi,
finendo nei canali di scolo producono un suono come di ossa che rotolano.
Il greve olezzo del disinfettante
si sovrappone agli odori forti che trasudano da migliaia di vagabondi,
come fondotinta sulla faccia di un cadavere.
In Via del Molo è tornato l' Inverno.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 27/09/2012 10:22
    Cupe atmosfere per intense atmosfere. Interessante composizione artistica.
  • Anonimo il 11/03/2008 18:56
    a un aria gotica e vagamente romantica che penso sia davvero difficile da rendere scrivendo.. complimenti..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0