accedi   |   crea nuovo account

Pendolare

Son le cinque di mattina
la sveglia suona col suo trillo,
orsù veloce, colazione in cucina
guardo fuori: tutto tace, neanche un grillo.

Anche oggi la giornata
comincia presto, troppo presto
cosa darei per una passeggiata
e invece devo partir lesto.

Il treno devo pigliare
"ancora pochi minuti, più veloce!"
ma che vita, sempre sol a lavorare
per pochi soldi, la mia croce.

Vita dura il pendolare,
fra disagi e frustazioni
dei ritardi è meglio non parlare
o ti girano i... oni

Ma la domenica, cari amici,
i ritmi possono cambiare
resto a letto fino alle dieci;
degli orari non mi voglio curare.

Ma il bel gioco dura poco,
mai proverbio fu più vero;
la festa finisce e il giorno dopo
la sveglia suona e parte il treno.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0