PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Figli Divini al PadreMadreFigli

Ricordi d’incosciente sofferenza
Di tutto quel male fatto subito
Pensando malamente di fare bene

Credendomi amore ho calpestato l’Amore
L’infinito puro

Intravisto dentro fiori intorno fuori
Con occhi ciechi
Cuore impuro

L’Invisibile Ignoto sapeva di me
Perdonando tutto

Accettando subendo le mille ferite
Fatte negli altri a noi stessi

Sua Creazione

Lei la sacrificata
L’eterna innamorata
Violata stuprata
Fin dal primo giorno della sua nascita
Da oscure forze vortici immateriali
Di un inesistente caotico annientante
Soffocando ambientando l’emanazione del soffio creativo
In chiusa prigione vibrante
Minerale vegetale animale mentale

Fino al Risveglio
Di piccolissimi uomini e donne
Divenuti fari universali

Granelli lucenti
Seminati scoppiati
In orbite di candele esangui
In piccole gocce
Di oceanici cristalli stellari
Piccole ruote di carro defunte
inciampate
In campi di sterminio
Santificati diamanti
In fosse trangugiati

Dando tutto
Hanno tolto i chiodi

I confini impachettati fissati impacciati
Fra increato e creato
Padre e madre

L’anima risorge
Nel suo soffio vitale
Purificato trasceso integrando
La materia in Vita Vera

ABITO DI LUCE
FIGLI
DAL DIVINO AMORE

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0