accedi   |   crea nuovo account

Vita Mannara

Trovasti porto sicuro
dietro spalle grandi
e ruvide mani
incurante alla dura insolenza,
nei rar comuni momenti,
colpente non sol l'udito
ma 'l ventre e 'l naso.
D'ori e perle il finto amor e
gabola amara l'accender passione
in uomini e donne di perduto onor;
ti piegò a sè
l'incolta vita mannara
stolida strada e
menzognera gara
di frode e seduzion.
Io non credei ai dinieghi tuoi
ma or che il futuro racchiudi
nei segreti confini,
ch'io mai violai,
e l'olimpica silouette
pavesar vedo
piango la testarda miseria
della mia illusion.
Le minute mani più
di veder mi beerò
che l'acerbo seno
è sorto lontan da me,
e chissà in qual luogo dunque,
e a chi spetterà dei tuoi mali curar
Piatto il fiume scorre sotto ai miei occhi
dorme l'uomo a guardia del ponte,
ti prego rimani,
o non avrò domani.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Lucia Zarantonello il 08/08/2008 21:36
    Molto bella, bravo!
  • Nicola Saracino il 07/08/2008 18:48
    Che mano sapiente in questi ironici troncamenti. Bel sarebbe ancor se pur pensassi/che ci stai prendendo in giro!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0